Zuppa di Minestrone Cremosa (mentre fuori nevica)

Questo lo scrissi ormai due anni fa: non sapendo come iniziare, ho deciso di iniziare dall’inizio.

‘Fuori la neve ha ovattato tutto. Lontana dalla città, finalmente, non ho più distrazioni, nemmeno quello dei rumori della strada.

La mia piccola dorme il suo sonnellino pomeridiano: quanta dolcezza mi regala!

Ora ho un’ora da dedicare solo a me, le mamme mi capiscono, lo so.

Ormai è passato un anno da quando, sempre qua, nella casetta “picca picca”, come la chiama lei, mi sono convinta a cambiare alimentazione. Si, dovevo stare meglio, cercare in tutti i modi e non solo con quelli convenzionali, di guarire.

Mia figlia mi ha conosciuta solo cosi: ammalata.

Sembra che la gravidanza mi abbia fatto due grandi doni, uno graditissimo ed un altro, di primo acchito, un po’ meno: mia figlia ed il morbo di Basedow.

Il secondo poteva pure evitarmelo, di dono, non mi sarei lamentata. Il fatto è, che a posteriori, ho avuto il sentore che fosse davvero un dono.

Senza questa sgradita gratifica non sarei divenuta quella che sono adesso.

Mia figlia mi impone a migliorarmi sempre più come mamma e quindi come persona.

Il morbo di Basedow mi costringe a intraprendere nuove vie verso la salute ed entrambi mi fanno scoprire il mondo con occhi diversi.

Ed ecco perché sono qui, ora, nella mia oretta di libertà, a scrivere queste due righe: desidero condividere con voi questo cammino, quello che sto imparando dalla mia esperienza, attraverso le ricette che mi fanno stare bene e che piacciono molto anche alla mia piccola.

Spero con tutto il cuore che facciano star bene anche voi.

Qua al freddo, tra neve e folate di vento gelido, non vedo niente di meglio che tornare alla dimora “picca picca” e preparare una bella zuppa, calda e veloce.

Mentre gli altri si fanno una doccia calda io sminuzzo e taglio: trovo che cucinare sia di per sé terapeutico.

Forse non è un caso che quando ero ragazzina ed ero influenzata mi ritirassi in cucina e rubassi il mestiere a mia madre.

Ho sempre amato cucinare.

Ero bravissima anche a cucinare la carne, ma ormai questa è un’altra vita.’

 

 

IMG_2810-20

 

Difficoltà: facile

Preparazione: 10 min

Cottura: 25’

 
INGREDIENTI

per 4 persone

PREPARAZIONE
 

·     una busta di minestrone misto possibilmente fresco

 

Oppure

·     2 patate

·     3 carote

·     2 gambi di sedano

·     1 cipolla

·     ½ cavolfiore

 

·     1 cucchiaio farina di riso integrale

·     1 cucchiaio farina di ceci

·     un pezzo di pane integrale 

·     rosmarino

·     curcuma in polvere

·     sale

·     pepe

·     olio extra vergine d’oliva

 

 

1-  Coprite con acqua smile_drople verdure della busta o quelle tagliate a tocchetti da voi.

2-  Fate bollire tutto senza condimenti per 15 min.

3-  Frullate ¼ del minestrone con le farine e del sale.

4-  Aggiungete il frullato al minestrone e continuate la cottura sobbollendo per altri 10 min.

5-  Nel mentre tagliate il pane a tocchetti e saltatelo in padella con poco olio, il rosmarino e la curcuma.

6-  Impiattate e aggiungete i crostini ben croccanti e dell’olio.

 

Io uso sempre e solo pane integrale vero, buono (anzi meglio!), come “Pane Primus“. Lo trovate QUI e quando lo assaggerete e capirete come vi fa bene non lo abbandonerete più.